AL CINEMA

 

La freccia del tempo – 2019

PROSSIMAMENTE  AL CINEMA

Locandina del lungometraggio La freccia del tempo

 La freccia del tempo approfondisce, con i toni della commedia, il concetto di Tempo in alcune delle sue molteplici implicazioni.
Che cos’è il Tempo? Quello quotidiano che sperimentiamo tutti i giorni, i milioni di anni che ci separano da un passato che ci appartiene, o il Tempo finito e infinito con cui è regolato l’Universo?
Lo scopriremo assieme ai due protagonisti: Raffaele, studente universitario fuori corso, e Alice che è la sua ragazza. Raffaele ama due cose nella vita: Alice e… la Scienza. Per mantenersi agli studi lavora come fattorino presso un fioraio e come commesso in un negozio di abbigliamento, all’insaputa reciproca dei due datori di lavoro! Il giorno del compleanno di Alice i due ragazzi si danno appuntamento in un piccolo albergo. Tuttavia, quando Raffaele arriva in albergo lei ancora non c’è: questo, e successivi eventi inaspettati, impediscono il loro incontro, ma sono una occasione per vivere nuove esperienze in cui i due protagonisti si addentrano nella comprensione più profonda del concetto di Tempo.

Frame dal lungometraggio "La freccia del tempo"
Frame dal lungometraggio "La freccia del tempo"
Frame dal lungometraggio "La freccia del tempo"

 Nel film sono presenti numerosi FX e diverse animazioni tra cui una divertente storia dei fossili, cioè i testimoni più importanti che documentano il trascorrere del Tempo. Si tratta di un veloce excursus che si avvia dalle immagini di un piccolo pesce placoderma che vive nel Devoniano (400 milioni di anni fa) e che, fossilizzando, attraversa tutte le Ere Geologiche (in particolare ci si sofferma sul Giurassico, il periodo dei Dinosauri). Il fossile passa di mano in mano per arrivare ai tempi storici, quando viene ritrovato da Leonardo Da Vinci, cioè il primo scienziato che ne comprende la vera natura come testimonianza della vita del passato, per passare poi nelle mani di Darwin che elabora la celebre teoria dell’evoluzione biologica e del “gradualismo filetico”, per giungere infine ai giorni nostri nelle mani di uno scienziato che espone il pensiero scientifico che perfeziona la teoria darwiniana, con la rivoluzionaria teoria degli equilibri puntuati (l’evoluzione della vita non procede gradualmente ma con “salti” discontinui) .
Il film si può definire una “commedia scientifica” che approfondisce concetti scientifici complessi attraverso immagini e dialoghi lievi, accessibili a tutti.

Frame dal lungometraggio "La freccia del tempo"
Frame dal lungometraggio "La freccia del tempo"
Frame dal lungometraggio "La freccia del tempo"
    • Scheda tecnica

 

  • Scritto e diretto da
  •  Carlo Sarti
  • Produzione
  •  Misami Film
  • Prodotto da
  •  Luisa Porrino
  • Produttore esecutivo
  •  Alessandro Verdecchi
  • Cast
  •  Leonardo Pazzagli, Francesca Cardinale, Lino Guanciale, e con la partecipazione straordinaria di Pippo Delbono
  • Musiche
  •  Matteo Malferrari
  • Dop
  •  Armando Buttafava
  • Montaggio
  •  Leonardo Moschetta
  • Animazioni
  •  AliMik – Animation Studio
  • Post-produzione
  •  FreeU srl
  • Formato
  •  DCP 4k
  • Durata
  •  88′
  • Con il contributo di
  •  Regione Emila Romagna, Fondo per il Cinema e l’Audiovisivo
  • Con il patrocinio di
  •  Università di Bologna – Alma Mater Studiorum